Gli atleti del Riviera Triathlon 1992 al Triathlon Sprint di Andora

Numerosissima la partecipazione degli atleti della Riviera Triathlon 1992 al 26° Triathlon Città di Andora.

Il sodalizio della Provincia di Imperia ha portato ai nastri di partenza atleti sia del settore giovanile che di quello Age Group con ottimi riscontri.

Buona la presenza delle quote rosa della società, capitanate da Vittoria Bergamini che ha fatto valere le sue doti nella frazione natatoria terminando i primi 750 mt di nuoto in acque libere con il 3° parziale. Uscita dall’acqua con le più forti atlete ha iniziato la frazione ciclistica durante la quale è terminata la sua gara a seguito di una caduta che, fortunatamente, non ha provocato danni ma solo un doloroso ritiro.

Al traguardo, su 112 atlete classificate, Monica Fierile, 59ima con il tempo di 1h 31′ 29″; Barbara Bonfante, 76ima con il tempo di 1h 34′ 07″ e Alessia Mornico, 81ima con il tempo di 1h 36′ 06″.

Tra gli uomini ottima prestazione di Simone Grinza che, con il tempo di 1h 06′ 29″ chiude in 26 posizione su 648 atleti classificati.

A seguire, Gaetano Trimarchi, 126° in 1h 14′ 17″ (prestazione che gli è valso il 2° posto nella categoria M4); Edoardo Spano, 142° in 1h 15′ 23″; Daniele Moraglia, 151° in 1h 15′ 38″; Cesare Russo, 253° in 1h 18′ 24″; Francesco Morici, 322° in 1h 20′ 19″; Marco Cannistraro, 396° in 1h 22′ 48″.

Riviera Triathlon sul podio grazie al 3° posto nella classifica dedicata alle staffette, con Alessio Bianchi.

“Un 26° posto, quello di Grinza, che testimonia i suoi progressi. Un giovane atleta che ha ancora tanto da dare, al quale va il mio personale plauso perché, dopo la laurea in fisioterapia, ha scelto di rinunciare agli agi della famiglia e a un lavoro sicuro per intraprendere la professione lontano da casa dividendola con gli allenamenti.” Commenta Maurizio De Benedetti, coach del settore giovanile. E su Spano: “Altro plauso personale a Edo che con fatica divide il suo tempo tra studio, nell’anno della maturità scientifica con risultati eccellenti, e allenamenti di uno sport impegnativo come il triathlon.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *